Pages Menu
Categories Menu

Obiettivi Generali

Obiettivo generale del progetto è implementare alcne buone pratiche, attività educative, iniziative culturali e di socialità in un medesimo territorio circoscritto in modo tale che queste pratiche possano rafforzarsi vicendevolmente alimentando una spirale virtuosa di cooperazione in uno dei quartieri a più alta densita di migranti e di edilizia pubblica di Milano.
Multilinguismo e Partecipazione attiva sono le caratteristiche specifiche delle attività che realizzeremo.
Siamo convinti che in questo periodo di profonda crisi economica siano fondamentali la solidarietà e la cooperazione perché elementi di contesto indispensabili per sviluppare l’intraprendenza e la crescita personale dei singoli, nonché la crescita e il benessere della comunità. L’alternativa ad una cultura solidale nella quale sia recuperato appieno il valore dello scambio reciproco e quello del rispetto è una società debole perché divisa e più facilmente vittima di pulsioni razziste o di derive in ogni caso distruttive.
Siamo anche convinti che un approccio complessivo possa rafforzare questo intervento. Insegnare italiano ai giovani e agli adulti che non lo parlano, insegnare la lingua straniera ai giovani e agli adulti che parlano soltanto italiano, realizzare percorsi di edcazione interculturale con i bambini, organizzare e promuovere assieme agli abitanti eventi di socialità antirazzisti e nei quali il meticciato culturale svolge un ruolo centrale, promuovere il multilinguismo in diverse forme sono tutte attività che si rafforzano a vicenda.
Rafforzare a vicenda le buone pratiche significa almeno due cose fondamentali: da un lato costruire e rafforzare una rete di associazioni, istituzioni, operatori sociali, volontari, soggetti a vario titolo protagonisti del quartiere, cittadini che partecipano occasionalmente alle iniziative ed ai progetti. Dall’altro diffondere la consapevolezza nel quartiere medesimo dell’importanza delle iniziative che si svolgono e dell’importanza della loro continuità che ne assicura l’impatto di lungo periodo più di quanto potrebbe fare un intervento occasionale ancorché significativo.
Siamo convinti che il contesto, così come descritto precedentemente, debba essere il quartiere con alcune particolari attenzioni. Per gli eventi temporanei dedicheremo una particolare attenzione alla piazza principale, Selinunte, come agorà della comunità, sempre vissuta e accogliente, ma anche alle tante piazzole di verde e, per converso, agli spazi di degrado. Per quanto riguarda le attività continuative ci sarà un impegno alla valorizzazione delle tante diverse realtà associative che vivono il quartiere e alla riproduzione di molteplici buone pratiche anche favorendo l’attitudine a diffondere le buone idee, in modo da incidere nella maniera più capillare possibile sulla quotidianità del quartiere e sulle abitudini degli abitanti.
Il target-obiettivo saranno i giovani e le famiglie del quartiere. Ovviamente la nostra attività, trasformando il contesto sociale, avrà ripercussioni importanti su tutta la comunità locale, compresi i casi piu’ difficili di disagio sociale (come descritto in seguito). Ma il target-obiettivo saranno quei soggetti che spesso rappresentano le risorse inutilizzate di una comunità, le energie che rimangono latenti e non riescono ad assumere un ruolo di cittadinanza attiva e di protagonismo, anche se spesso svolgono un ruolo di responsabilità nella vita privata, in famiglia.
Spesso proprio i soggetti più giovani e le famiglie che rappresentano il tessuto centrale di una comunità sono, ancor prima che pervase da diffidenza, razzismo o sentimenti di egoismo, prive degli strumenti fondamentali per comprendere e mettere in pratica progetti cooperativi che possano funzionare. Tra questi strumenti: l’approccio positivo al multilinguismo e la conoscenza diretta di più lingue (spesso agli stranieri manca l’italiano, ma spesso gli italiani non conoscono che la propria lingua), la possibilità di socializzare in un contesto orientato da valori positivi, l’occasione di mettersi in gioco e la consapevolezza delle proprie capacità e potenzialità (che vanno ben oltre la qualifica professionale).
Pensiamo che obiettivo del nostro progetto sia anche quello di realizzare un clima di partnership permanente tra le associazioni e i progetti animati da simili intenti nel quartiere di Selinunte/San Siro, sia attraverso un processo di educazione permanente della comunità locale, sia attraverso una solida e strutturata rete di collaborazione che prenda vita a partire dalle 5 associazioni che collaborano oggi a questo progetto, ma possa in seguito comprenderne molte altre.