Pages Menu
Categories Menu

Yard

YARD at “Moving Stories” UNITED Conference

Posted by on Mag 3, 2016 in Araxe, PAN, Slide Home, Yard | 0 comments

YARD at “Moving Stories” UNITED Conference

APS YARD promoted, organized and took part in the UNITED Conference “Moving Stories: Narratives of Migration Crossing Europe“, that took place near Torino among April 22nd-27th.

A conference talking about narratives that all across Europe promote populism and racism, the rethoric of borders and walls, but also about the strategies and tools we can use for changing narrative itself.

And that is a job that starts from the ground, in the blocks, among the streets and the people who live them, changing the perspection and the fear, let everyone know his/her neighbour, migrant or resident, know his/her story, understand how this story crash with narrative of fear, terror, invasion, crisis…

And then collect stories, create a collective one that could be able to change perspectives, to show another point of view, create new narratives, or -as Stefano Volpicelli said in his speech- new discourses.

Cause another thing we should be able to change is our consitude of accepting narratives without any question about it, without asking what’s behind.

That’s why during the presentation we made on 24th of April we showed the work we’ve carried on through “No Border Tales Project”, project that started almost 5 years ago with a book collecting stories of migrants and datas connected to them and that now became a video-project.

A video that tries to present how every migration story is not just something in the present, a picture without a name in the first page of a newspaper, but something that has a past and for sure dreams and wishes for the future.

We left the Conference with the awerness that for changing narrative we’ve to able to create networks, to collect datas and stories, to present them to people, to create new discourses that show there’s no place to fear and there’s place for solidarity and a common future.

A.Ra.Xè alla fiera “Fa’ la cosa giusta”

Posted by on Mar 18, 2016 in Araxe, Educazione alle differenze, Yard | 0 comments

A.Ra.Xè alla fiera “Fa’ la cosa giusta”

Oggi 18 marzo‎ 2016, APS Yard organizza laboratori del progetto A.Ra.Xe’ di educazione non formale alle differenze, all’interno di Fa’ La Cosa Giusta, fiera del consumo critico.

Un’occasione per far partecipare le scuole in visita alla fiera, un momento per “giocare” con i ragazzi a conoscere il mondo, scoprendo insieme l’origine di alcuni cibi, ingredienti base di ricette tipiche del nostro paese, e ragionando che senza le migrazioni tra storia e geografia‎ la nostra cultura sarebbe più povera.

Queste attività rientrano nel calendario della action week against racism, campagna europea promossa dal Network United  in occasione del 21 marzo giornata internazionale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali.  

LEGGI IN INGLESE

Today March 18, 2016, APS Yard organizes workshops with A.Ra.Xe about non-formal education project against racism discrimination during “Fa’ la Cosa Giusta”, an exhibition for a critical consumption.

An opportunity to let schools visiting the fair, a time to “play” with children to know the world, discovering together the origin of certain foods, basic ingredients of traditional recipes of our country and others and reasoning that without the various migrations flow in history our culture would be poorer.

These activities fall within the calendar week of action against racism, the European campaign promoted by the Network United for the March 21 International day of Elimination of racial discrimination. 

 

Invalid Displayed Gallery

LEGGI ANCHE >>

* A.Ra.Xè strenght in diversity! March against racism! [LEGGI QUI]

* “Conosciamo il mondo”: laboratori nelle scuole a cura di A.Ra.Xè [LEGGI QUI]

* Remembering Dax, Antifascist lessons at Abba School [LEGGI QUI]

Remembering Dax! Antifascist lessons at Abba School

Posted by on Mar 17, 2016 in Araxe, Scuola Abba, Yard | 0 comments

Remembering Dax! Antifascist lessons at Abba School

Nel 13° anniversario del suo omicidio, la scuola Abba Abdoul Guibre ricorda “Dax”, Davide Cesare, assassinato da 3 fascisti il 16 marzo del 2003: una lezione che parla di antifascismo, antirazzismo e diritti, che racconta la storia della notte nera di Milano, continuando “a fare lingua”, a promuovere un italiano che sia diritto ma soprattutto strumento a conquistare altri diritti.

Scarica qui le lezioni: lezionedaxA2  lezionedaxA0-A1

 

In the 13th anniversary of his murder, the school Abba Abdoul Guibre remember Dax, Davide Cesare, killed by 3 fascist on 16th of March 2003: a lesson on fascism, antiaracism and rights, that tells the story of the Dark black night of Milan, that keeps on “making language” promoting an italian that is a right but also a tool for getting new rights.

 

“Conosciamo il mondo”: laboratorio nelle scuole a cura di A.Ra.Xè

Posted by on Mar 15, 2016 in Araxe, Educazione alle differenze, Yard | 0 comments

“Conosciamo il mondo”: laboratorio nelle scuole a cura di A.Ra.Xè

Oggi A.Ra.Xè è approdata alla scuola elementare di via Bodio, a Milano, con l’attività “Conosciamo il mondo”: un percorso per cambiare prospettiva, andando oltre stereotipi e rappresentazioni (a partire da quelle delle mappe), per scoprire come anche le più ferree tradizioni siano in realtà frutto di migrazioni, scambi, immeticciamento.
Con le classi 5e abbiamo quindi ripercorso gli spostamenti e le origini del caffé, del cioccolato, del pomodoro, degli agrumi, e di tanti altri cibi per arrivare a scoprire come ogni idea non sia possibile senza la collaborazione degli altr*.

LEGGI IN INGLESE

A.Ra.Xè arrived in the elementary school of via Bodio, in Milan, with the activity “Let’s know the world”… A path for changing perspective, going through stereotypes and rappresentations (starting from the map’s ones), discovering how even the most strict traditions are outputs of migrations, exchanges, cross of cultures. With the 5th classes, we went through movement and origins of coffee, chocolate, tomate, citrus, and so many other foods, for discovering how every idea is possible thanks to others’ cooperation.

A.Ra.Xè strenght in diversity!! March against racism!

Posted by on Mar 8, 2016 in Araxe, Educazione alle differenze, Scuola Abba, Yard | 0 comments

A.Ra.Xè strenght in diversity!! March against racism!

A.Ra.Xé take part to the UNITED campaign on 21st of March, against every racism and discriminations.

After 56 years from Sharpville massacre in South Africa, new walls and border have been built. Every day more, Europe looks like a Fortress, rejecting people, building walls and facing with an increase of racism. But in the same time we also see how there are people organizing from the ground, promoting solidarity and mutual aid, spreading an idea of cross-culture that’d like to include and not to exclude, claiming rights for everyone.

A.Ra.Xé partecipa alla campagna di UNITED del 21 marzo, contro ogni razzismo e discriminazione. Dopo 56 anni dal massacro di Sharpville in Sud Africa, nuovi muri e nuovi confini sono stati costruiti. Ogni giorno che passa l’Europa assomiglia sempre più a una Fortezza, respingendo persone, costruendo barriere e facendo fronte a un aumento del razzismo istituzionale e non. Ma nello stesso tempo vediamo anche persone organizzarsi dal basso, promuovere solidarietà e mutuo soccorso, diffondere un’idea di meticciato che vorrebbe includere e non escludere, rivendicando diritti per tutte e tutti.

GUARDA ANCHE

* A.Ra.Xè alla fiera di “Fa’ la cosa giusta” [leggi qui]

* “Conosciamo il mondo”: labotatori di A.Ra.Xè nelle scuole [leggi qui]

* Remembering Dax, Antifascist lessons at Abba School [leggi qui]

For this reason, during this month and according to UNITED campaign, we’re promoting free activities in schools, educating to differences and against any kind of discriminations, racism, sexism, homophoby… Activities that would like to promote a culture of diversity, discovering how differences are a richness for society, promoting new perspectives, new knoledges, new skills…
With children and teenagers in school we will descover how food and “typical” and “traditional” products are the result of crossing of people, cultures, languages, often the outcomes of migration processes. We will see how world projection on maps it’s just a kind of narrative we choose but we should be able also to change. We will work on communication tools, creating spots and images fight racism and discriminations.

Per questa ragione durante il mese di marzo e all’interno della campagna di UNITED, promuoveremo attività gratuite nelle scuole, educando alle differenze e contro ogni tipo di disciminazione, razzismo, sessismo, omofobia… Attività che vogliono promuovere la cultura delle differenze, scoprire come quest’ultime sono una ricchezza per la società, promuovere nuove prospettive, nuove conoscenze e competenze… Con i bambini e gli adolescenti delle scuole che incontreremo, scopriremo come i cibi e i prodotti che definiamo “tipici” o “tradizionali” siano in realtà il risultato di immaticciamenti, scambi tra culture, lingue, popoli diversi, spesso il prodotto di processi migratori. Vedremo come le proiezioni del mondo su una mappa siano solo un’esempio di narrative che dobbiamo poter scegliere ma anche saper cambiare. Lavoreremo sugli strumenti comunicativi, creando spot e immagini che combattano razzismo e discriminazioni.

We will also take part to “Fa’ la cosa giusta” fair, with our activities, joining to a fair on solidarity and sustainable best practices, which antiracism is one of.

Con le nostre attività parteciperemo inoltre a “Fa la cosa giusta”, una fiera sulle buone pratiche di solidarietà e sostenibilità di cui l’antirazzismo fa certamente parte.

 

With the Abba Abdoul Guibre Language School we promote a cross-cultural dinner made by students and teachers of the school, mixing foods and tastes from all over the world, connecting cultures, stories and experiences.

Così come con la scuola di lingue Abba Abdoul Guibre promuoveremo una cena meticcia, fatta dagli studenti, le studentesse e le/gli insegnanti della scuola, mescolando cibi e sapori da tutto il mondo, creando connessioni tra culture, storie ed esperienze per un momento di socialità!

 

But Abba Abdoul Guibre is also an antifascist school… Against every kind of discrimination: for this reason on 16th of March we have every year a special lesson remembering Dax, Davide Cesare, killed by fascists for his being an activist in the night between 15th and 16th of March 2003 in Milan.

Ma la scuola Abba Abdoul Guibre è anche una scuola antifascista… Contro ogni tipo di discriminazione: per questa ragione in occasione del 16 marzo, ogni anno, costruiamo una lezione speciale per ricordare Dax, Davide Cesare, ucciso da 3 fascisti perché era un attivista e un antifascista il 16 marzo 2003.

Dicono di noi …

Posted by on Mar 5, 2016 in C_rise, Yard | Commenti disabilitati su Dicono di noi …

Dicono di noi …

Ringraziamo il giornale online Elvizero per l’articolo a firma di Laura Cerai sulle attività del Progetto C_Rise. “C_rise è un mercatino solidale e dello scambio dove tutti possono portare vestiti, borse, cappotti e scarpe che non si usano più, che non piacc leggi tutto

A.Ra.Xè & BDP at Winter Camp Projecting School

Posted by on Gen 9, 2016 in Araxe, BdP, PAN, Patchanka Academy, Yard | 0 comments

A.Ra.Xè & BDP at Winter Camp Projecting School

Anche quest’anno il progetto A.Ra.Xè e l’associazione La Banda dei Pirati, partecipano alla Scuola Progetti di Patchanka, con una settimana dedicata alla formazione ed alla progettazione. Simulazioni di attività di educazione non formale, con scambio di buone pratiche, esperienze, suggestioni tra i partecipanti, ragionando insieme sul ruolo che il gioco e la capacità di costruire contesti educativi orizzontali agiscono nel percorso formativo di bambini e ragazzi. Si immaginano e costruiscono attività, si pensano nuovi materiali per le attività nelle scuole e per la scuola di lingue… E poi, ovviamente, si progetta, ricercando nuovi bandi che diano forma e struttura alla fucina di idee!!!

Again this year A.Ra.Xè and the association La Banda dei Pirati are taking part to the Projecting School – Winter Camp of Patchanka Network: one week dedicated to training and projecting. Simulation of non-formal education activities, exchange of good practices, suggestions and experiences among participants, thinking together about the role that game and horizontal settings has in children and young people training path. We imagine and build activities, we think about new tools and matherials for activities in the school or for our languages’ school… And of course, we project, searching for applications that could give form to all our ideas!

A.Ra.Xé back to the schools for saying “Never Again”

Posted by on Nov 17, 2015 in Araxe, Educazione alle differenze, Slide Home, Yard | 0 comments

A.Ra.Xé back to the schools for saying “Never Again”

How to educate to differences, for saying “never again” racism, homophobia, xenophobia, sexism? How to promote a culture of respect and curiousity, starting from children?

Within the transnational action week, promoted by United Network in according with the anniversary of the Kristallnacht (when in 1938 nazists attacked jewish shop, breaking the windows and beating and attacking people), A.Ra.Xé comes back to schools of Milan with non-formal education’s activities. Brainstorming, games, team-building activities for discovering that “we are the others” and we are in fact “All different/ All equal” at the same time. Throught non-formal education’s activities kids think and act on topics of racism and other discriminations, learning to promote respect and recognize of the difference, the competence, skills and knowledges of everyone.

Using spaceshuttles that bring us to new planets and discovering that there’re a lot of possible families and possible loves, or travelling around world following the food’s rutes and learning how everything is producted by migrations and crossing, activities that teach to think the “other” not as enemy but someone who grow up with.


Come educare alle differenze per dire “mai più” razzismo, omofobia, xenofobia, sessismo? Come promuovere una cultura della curiosità e del rispetto, iniziando dai più piccoli?

All’interno della settimana di azione transnazionale, promossa da United in occasione dell’anniversario della Notte dei Cristanni (quando nel 1938 i nazisti assaltarono i negozi degli ebrei, distruggendone le vetrine e ferendo moltissime persone), A.Ra.Xè torna nelle scuole di Milano con attività di educazione alla diversità. Brainstorming, giochi, attività e momenti di gruppo, per scoprire che “Gli altri siamo noi” è che, nei fatti, siamo al contempo “Tutte/i uguali e tutte/i diverse/i”. Attraverso attività di educazione non formale i bambini accedono a momenti di riflessione e di attivazione pratica sulle tematiche del razzismo e delle discriminazioni, imparando a promuovere il rispetto dell’altr@ e il riconoscimento delle differenze, delle competenze, saperi e conoscenze di…

Attraverso navicelle spaziali che ci portano su nuovi pianeti alla scoperta delle tante possibili famiglie e dei tanti possibili amori, o viaggiando per il modo seguendo le rotte dei cibi e scoprendo come ogni cosa sia il prodotto di scambi e migrazioni, attività che educhino a una relazione con l’altr@ che non venga visto come nemico ma come un compagn@ con cui crescere.

Language 4 all! Training course for languages’ teachers

Posted by on Nov 16, 2015 in Araxe, Scuola Abba, Scuola di Lingue Abba, Slide Home, Yard | 0 comments

Language 4 all! Training course for languages’ teachers

How to teach a language? How to mark a mistake? … and do we have to mark it? And finally: how to teach a language for getting rights?

The Language School “Abba Abdoul Guibre” has hosting (from 17 october to 14 november) the training course for italian teachers of L2, promoted by Rete delle Scuole Senza Permesso (the Network of the Schools Without Permission).

We talked about what means today teaching italian to migrants, sharing tools for getting rights, for improving cross-culture situations, for spreading solidarity and antiracism.

Come insegnare una lingua? Come correggere un errore? …e  in fondo, un errore è davvero da correggere? ma soprattutto: come insegnare una lingua che sia utile a reclamare diritti?

La scuola di lingue “Abba Abdoul Guibre” ha ospitato (dal 17 ottobre al 14 novembre) il corso di formazione per insegnanti di italiano L2 promosso dalla Rete delle Scuole Senza Permesso di Milano.

Abbiamo parlato di cosa significa insegnare italiano a migranti, fornendo strumenti che permettano l’acquisizione di dirtitti, che favoriscano l’immeticciamento, che diffondando solidarietà e antirazzismo.

 

YARD & NO BORDERS @UNITED Conference 14-19th October

Posted by on Ott 28, 2015 in Araxe, Educazione alle differenze, No Border, PAN, Scuola Abba, Slide Home, Yard | 0 comments

YARD & NO BORDERS @UNITED Conference 14-19th October

ENG

Our organizations took part in the UNITED Conference, near Budapest (14-19th of October), where dozens of organizations from all over Europe met and worked together, looking for new strategies, practices and tools in order to fight racism, xenophobia and discriminations and to promote solidarity and cross-culture…

During Conference we talked about Hungary situation, where the far right goverment closed the borders and rejected thousand of migrants and refugees, but also about what’s happening in all Europe, where goverments, media and specially right parties made migrants the perfect scapegoat for the economic crisis.

So, during these days we discussed about the strategies and tools we can use against this narrative, specially working with young people: how to work in the school, with non-formal activities, activating a process for having “School without racism”, how to play sport together promoting solidarity over competition, using sports as communication tool when there’s no language for communicating, how to create and to work on a campaign against racism, sexism, antisemitism, homophobia and supporting refugees, cross-culture, differences.

But we also started preparing new Conference… ‘cause as a lot of people said during the days in Budapest, we don’t give up the fight and we won’t stop till we overcome all borders!

ITA

Le nostre organizzazioni hanno preso parte alla Conferenza di UNITED, svoltasi vicino a Budapest tra il 14 e il 19 ottobre. Qui decine di organizzazioni da tutta Europa si sono incontrate e hanno lavorato insieme, alla ricerca di nuove strategie, pratiche e strumenti per contrastare il razzismo, la xenofobia e le discriminazioni e per promuovere invece solidarietà e meticciato.

Durante la conferenza abbiamo parlato della situazione in Ungheria, dove il governo ha chiuso le frontiere e respinto migliaia di migranti e rifugiati, ma anche di ciò che accade in Europa, dove i media, i governi e soprattutto i partiti di destra e razzisti stanno facendo del migrante il perfetto capro espiatorio della crisi economica.

Così in questi giorni noi abbiamo discusso delle strategie e degli strumenti che possiamo usare per ribaltare questa narrazione, soprattutto quando lavoriamo con giovani e giovanissimi: come lavorare nelle scuole, con le metodologie dell’educazione non formale, attivando un processo che ci permetta di costruire “Scuole libere dal razzismo”; o come fare dello sport uno spazio di solidarietà e non di competizione, uno strumento che permetta di comunicare e giocare insieme quando non c’è una lingua comune a permettere la relazione; come costruire e promuovere campagne contro il razzismo, il sessimo, l’antisemitismo, l’omofobia e che promuovano invece inclusione, meticciato e valorizzazione delle differenze.

E in tutto questo abbiamo anche iniziato a preparare la prossima conferenza… perché come dicevano in molti in quei giorni a Budapest, non ci arrendiamo e non ci fermeremo finché non avremo superato ogni confine!